Iubenda logo
Inizia la generazione

Documentazione

Indice dei contenuti

Come raccogliere il consenso per la personalizzazione dei Google Ads

Utilizzi Google Ads ed hai ricevuto un alert da Google? Ecco come risolverlo.

Al fine di adeguarsi alle nuove norme relative al consenso degli utenti dell’UE introdotte da Google, per poter mostrare annunci personalizzati agli utenti che hanno sede nello Spazio economico europeo (Stati membri dell’Unione Europea, Islanda, Liechtenstein e Norvegia), gli editori devono prima raccogliere il consenso esplicito alla personalizzazione degli annunci.

Qualora questi requisiti non vengano soddisfatti, Google mostrerà annunci non personalizzati agli utenti che si trovano nello Spazio economico europeo, con conseguente rischio di una possibile riduzione degli introiti pubblicitari.

🎙️
I nostri esperti in diretta

Assisti a una demo dal vivo e ricevi risposta alle tue domande in tempo reale partecipando al webinar gratuito “Come gestire i consensi pubblicitari con la Cookie Solution”. Scoprirai come rispettare in pratica i requisiti di legge e gli standard richiesti dai network pubblicitari, così da poter massimizzare copertura e ricavi degli annunci personalizzati.

Partecipa al nostro webinar

Cosa devi fare

Per soddisfare questo requisito, è necessario dare agli utenti la possibilità di acconsentire o rifiutare il trattamento per la personalizzazione degli annunci di Google. Per farlo ti basterà attivare il supporto al Transparency and Consent Framework v2.0 all’interno della Cookie Solution.

Transparency and Consent Framework v2.0

Google ha ufficialmente integrato il Transparency and Consent Framework v2.0 di IAB ed è ora incluso nella vendor list.

Importante

Con il TCF v2.0, non sono più necessarie (o supportate) impostazioni separate per la personalizzazione degli annunci di Google. Ogni integrazione in quel senso (vedi googleAdsPreferenceManagement e isGoogleNonPersonalizedAds) andrà quindi rimossa.

Leggi la nostra guida alla transizione per scoprire tutte le caratteristiche e i vantaggi della nuova versione, e cosa devi fare per effettuare il passaggio.

Utilizzi Google Ads ed hai ricevuto un alert da Google? Ecco come risolverlo

Usi Google Ads ed hai ricevuto un alert da Google? Ecco come risolverlo

In primo luogo, assicurati di aver attivato il Transparency and Consent Framework. Se il TCF è attivo e ricevi un errore specifico, ecco come risolvere i codici di errori più comuni:

  • Errore 1.1: Si presenta ogni volta che l’utente non ha fornito il consenso agli annunci di Google. Questo significa che quasi tutti i siti web riceveranno alcuni errori 1.1. Questo errore è perfettamente normale se coincide con il numero di utenti che scelgono “Rifiuta” nel cookie banner, se implementato, o disabilitano manualmente gli annunci di Google dalle preferenze del TCF, se questo numero dovesse essere particolarmente alto, bisognerà preoccuparsi di controllare la configurazione;
  • Errore 2.1a: Dopo aver investigato direttamente con Google, è emerso che Google non mostra annunci, neppure annunci non-personalizzati, se l’utente non ha espresso una preferenza sui cookie. Supportiamo due metodi di integrazione principali per la nostra Cookie Solution, illustrati qui. Se lavori con gli annunci di Google, devi obbligatoriamente usare il primo metodo.
  • Errore 4.1: Si presenta quando il consenso TCF è generato usando una versione del Global Vendor List (GVL) che non include Google, perché è stato raccolto prima del 1° agosto. Puoi risolvere questo errore impostando "invalidateConsentBefore": "2020-08-01" (disponibile in beta e current, not ancora in stable), come da esempio qui.

Se dopo aver applicato queste misure l’alert non scompare, non esitare a contattarci rispondendo a questa mail, saremo felici di assisterti!

La nostra Cookie Solution supporta anche l’Additional Consent Mode, una funzione che ti permette di raccogliere il consenso per i partner pubblicitari di Google che non hanno ancora aderito al TCF, ma che sono presenti nella lista dei fornitori di tecnologia pubblicitaria di Google. Questa funzionalità è attualmente disponibile nel canale current.

Importante

Analogamente a quanto indicato poco sopra, dovrai rimuovere ogni integrazione per la gestione degli annunci personalizzati e non personalizzati implementata in precedenza (vedi googleAdsPreferenceManagement e isGoogleNonPersonalizedAds).

Per abilitare questa funzione, assicurati di selezionare il canale corrente, quindi seleziona la seguente casella di controllo all’interno del configuratore di Cookie Solution (in alcuni casi la casella di controllo verrà selezionata automaticamente quando abiliti il TCF per la prima volta).

Questo aggiungerà "googleAdditionalConsentMode":true allo snippet di codice, come si può vedere nello snippet di esempio di seguito. 

<script type="text/javascript">
    var _iub = _iub || [];
    _iub.csConfiguration = {
        "lang": "it",
        "siteId": XXXXXX, //usa il tuo siteId
        "cookiePolicyId": YYYYYY, //usa il tuo cookiePolicyId
        "enableTcf": true, //abilita il Transparency and Consent Framework di IAB 
        "tcfVersion": 2, //TCF v2.0
        "googleAdditionalConsentMode": true, //abilita l'Additional Consent Mode di Google
        "banner": {
            "position": "float-top-center",
            "acceptButtonDisplay": true, //mostra il pulsante "Accetta" come richiesto dallo IAB
            "customizeButtonDisplay": true //mostra il pulsante "Scopri di più e personalizza" come richiesto dallo IAB
        }
    };
</script>
<script type="text/javascript" src="//cdn.iubenda.com/cs/tcf/beta/stub-v2.js"></script>
<script type="text/javascript" src="//cdn.iubenda.com/cs/tcf/beta/safe-tcf-v2.js"></script> <!-- aggiungi questo js se non blocchi gli script dei vendor -->
<script type="text/javascript" src="//cdn.iubenda.com/cs/beta/iubenda_cs.js" charset="UTF-8" async></script>

A seguire trovi la procedura consigliata prima che Google aderisse alla seconda versione del TCF. Ti ricordiamo che dal 15 agosto 2020 il TCF v1.1 non sarà più supportato da IAB.

Configurazione

Per prima cosa, assicurati di aver abilitato la compatibilità della Cookie Solution al Framework IAB, come spiegato qui (ma hai modo di abilitare questa funzionalità anche nella finestra di configurazione – base o avanzata – che puoi aprire facendo click su Cookie Solution > Modifica):

Abilitazione della compatibilità della Cookie Solution al framework di IAB

Ricordati di spuntare la casella “Quando la preferenza del Framework IAB non esiste, richiedi un nuovo consenso all’utente anche se è stato già fornito”. La trovi in Cookie Solution > Modifica > Opzioni avanzate alla sezione IAB Transparency and Consent Framework:

Cookie Solution - Richiesta di un nuovo consenso quando la preferenza del Framework IAB non esiste

Infine assicurati di spuntare la casella “Gestione delle preferenze pubblicitarie di Google” che trovi sia nelle opzioni di configurazione di base che in quelle avanzate:

Cookie Solution - Gestione delle preferenze pubblicitarie di Google

Così facendo otterrai un codice di integrazione simile a questo:

<script type="text/javascript">
    var _iub = _iub || [];
    _iub.csConfiguration = {
        "lang": "it",
        "siteId": XXXXXX, //usa il tuo siteId
        "cookiePolicyId": YYYYYY, //usa il tuo cookiePolicyId
        "enableCMP": true,
        "googleAdsPreferenceManagement": true,
        "banner": {
            "position": "float-top-center",
            "acceptButtonDisplay": true,
            "customizeButtonDisplay": true
        }
    };
</script>
<script type="text/javascript" src="//cdn.iubenda.com/cs/tcf/stub.js"></script>
<script type="text/javascript" src="//cdn.iubenda.com/cs/iubenda_cs.js" charset="UTF-8" async></script>

Assicurati che il codice di inserimento sia aggiornato all’ultima versione e che sia inserito appena dopo l’apertura del tag <HEAD>.

Una volta abilitate queste impostazioni, gli utenti del tuo sito avranno la possibilità di scegliere tra annunci Google personalizzati o meno, a seconda delle preferenze:

Pubblicità personalizzata di Google e dei suoi partner
Implementazione

Per avere la certezza che gli annunci non personalizzati siano erogati su indicazione dall’utente, dovrai modificare i tuoi script di Google con questa riga di codice:

_iub.cs.api.isGoogleNonPersonalizedAds()

Il valore è impostato a true se non è stato dato il consenso, a false se è stato dato il consenso.

La funzione viene valorizzata dopo che il consenso è stato dato.

Si prega di notare che queste istruzioni presuppongono che tu abbia già impostato il blocco preventivo per questi servizi di Google, modificando gli script come indicato di seguito.

Se invece hai impostato il blocco preventivo di questi script utilizzando le funzionalità di Google, vai a questa sezione.

Google Publisher Tag

Copia questa riga di codice:

<script type="text/plain" class="_iub_cs_activate">
    googletag.cmd.push(function () {
        googletag.pubads().setRequestNonPersonalizedAds(_iub.cs.api.isGoogleNonPersonalizedAds() ? 1 : 0); 
    });
</script>

Incollala tra le righe 16 e 17 del codice di Google Publisher Tag (qui, alla voce “Dopo”, un esempio del codice di integrazione):

Google Publisher Tag
Google AdSense

Copia questa riga di codice:

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).requestNonPersonalizedAds=_iub.cs.api.isGoogleNonPersonalizedAds() ? 1 : 0;

Incollala tra le righe 8 e 9 del codice di Google AdSense (qui, alla voce “Asynch > Dopo”, un esempio del codice di integrazione):

Google AdSense

L’esempio sopra riportato utilizza il tag asincrono in quanto il tag sincrono non supporta gli annunci non personalizzati. Leggi questo articolo per saperne di più.

Altri metodi di implementazione

Se invece hai impostato il blocco preventivo di questi script utilizzando le funzionalità di Google, puoi seguire le istruzioni in questa guida di Google Ad Manager (sotto “Mettere in pausa le richieste di annunci”).

Dovrai apportare queste modifiche:

  • Quando utilizzi Google Publisher Tag, setRequestNonPersonalizedAds(1) andrà sostituito con setRequestNonPersonalizedAds(_iub.cs.api.isGoogleNonPersonalizedAds() ? 1 : 0)
  • Quando utilizzi il codice dell’annuncio asincrono AdSense o Ad Exchange requestNonPersonalizedAds=1 andrà sostituito con requestNonPersonalizedAds=_iub.cs.api.isGoogleNonPersonalizedAds() ? 1 : 0

Il consenso a Google e ai suoi partner è raccolto tramite un pulsante a interruttore (o “toggle”) che funziona in parallelo con il consenso raccolto tramite il TCF, in quanto al momento Google non legge i consensi del TCF. Per questo motivo Google ha consigliato quanto segue in merito all’elenco degli ATP (Ad Technology Providers – Fornitori di tecnologia pubblicitaria).

Cosa fare:

  • carica un elenco statico

Cosa non fare:

  • non provare ad automatizzare il processo di output degli ID partendo dai dati del TCF; oppure
  • non provare ad abbinare l’elenco del TCF con l’elenco degli ATP

L’elenco può essere scaricato dal Pianificatore display di Google (Google Display Planner) e poi condiviso con le SSP (Sell-Side Platform) come FreeWheel e simili.

Se usi un elenco statico con FreeWheel, quando il toggle di Google è disattivato – quando cioè non è stato prestato il consenso e _iub.cs.api.isGoogleNonPersonalizedAds() è impostato a true – dovrai passare il parametro _fw_gdpr_consented_providers=216 (216 è l’id di Google per FreeWheel).

Così facendo andrai a sovrascrivere l’elenco in FreeWheel, indicando esplicitamente che il consenso non è stato prestato. Contatta il team di FreeWheel per assistenza e maggiori informazioni sull’implementazione.

Se invece preferisci evitare di appoggiarti al TCF ma devi comunque gestire la personalizzazione degli annunci, ti invitiamo a contattarci.

Leggi anche